Share / condividi e diffondi

WE ARE ROMANTIC PUNX

kalashnikov collective

Romantic Punx

Correva l'anno 1996

Il collettivo Kalashnikov ha preso forma nel corso degli anni '90 sul sudicio pavimento di uno squat milanese, quando tre adolescenti con la maglietta dei Wretched si sono incontrati e hanno deciso di condividere le proprie passioni e i propri sogni suonando. Ecco chi siamo...

WE ARE ROMANTIC PUNX

Next gigs!

Nelle strade, nei palazzi, negli squat o in T.A.Z. suburbane. In mezzo alla neve in un discobar in Siberia o in uno scantinato dell'hinterland milanese. Ogni concerto - anno dopo anno - è sempre animato da ideali anarco-libertari e in totale spirito d.i.y.
Scopri dove suoniamo...

Concerti! Gigs! Live!

A U T O D E T E R M I N A Z I O N E

"Siamo stufi di vivere secondo le aspettative di altra gente quando le nostre sono molto più alte..." (Crass).

A N A R C H I A

Anarchia evoca nelle menti delle persone fantasmi di caos e distruzione. Paradossale, perché non esiste nulla di più solare e gioioso dell'anarchia! Anarchia è un modello di organizzazione sociale "orizzontale", basata cioè su rapporti non gerarchici e non autoritari. Una società fondata sul libero accordo, sulla solidarietà e sull'uguaglianza è una cosa così terribile? Anarchia non è un "utopia", cioè un "luogo che non esiste": è piuttosto un esperimento sociale praticabile "qui e ora", nelle piccole comunità di ogni genere, in famiglia, sul posto di lavoro, all'interno di una band... ovunque esistano gruppi di persone che si uniscono per vivere/agire insieme.
A N T I S P E C I S M O
Come l'antirazzismo rifiuta la discriminazione basata sulla razza e l'antisessismo quella basata sul genere sessuale, l'antispecismo respinge quella basata sulla specie, sostenendo che la sola appartenenza ad una diversa specie non giustifica eticamente il diritto di disporre della vita, della libertà e del lavoro di un essere senziente. L'approccio antispecista propone una rivoluzione nel modo di rapportarsi degli esseri umani con gli esseri viventi che condividono con lui l'esistenza sulla terra. La domanda preliminare non è "possono ragionare?", né "possono parlare?" Ma: "possono soffrire?"

E S I S T E N Z A

È bello quando il vissuto emerge. Provare istintivi, brucianti sentimenti di estraneità, ripulsa e inadeguatezza rispetto al mondo attorno è l'inizio di ogni lotta, ma anche il primo accordo di ogni canzone. Sarebbe bello che questo sentimento di partenza fosse sempre ben presente nella musica che amiamo. Non c'è musica senza vita! Non ci sono lotte senza condivisione esistenziale, senza vissuto. La nostra musica non potrà mai essere solo un susseguirsi di riff né soltanto un progetto di propaganda politica...

C O E R E N Z A

Tutti i gruppi che utilizzano simbologie anarchiche e si sporcano le mani con la politica, si dovranno prima o poi sorbire le menate di chi li accusa di non essere coerenti o di non essere abbastanza impegnati nella lotta. Ci sarà sempre qualcuno che ti criticherà perché hai la cintura di cuoio e sei vegan, perché vai al concerto ma non partecipi all'assemblea, perché usi un furgone o perché dici parolacce sessiste. E fa bene a farlo! A patto che questo serva ad aumentare la sensibilità di tutti. Ma se il miraggio è quello di una disumana e fantasmatica integrità, beh... nessuno è perfetto! Pensate che sia meglio fare qualcosa per migliorare la vita degli altri e del mondo in cui viviamo pur essendo a volte incoerenti, oppure è meglio non fare niente, senza assumersi nessuna responsabilità né professare alcun ideale?

FUCILI CARICATI DI FUTURO

Kalashnikov Collective are (now)...

Sarta

Lisa

Steffo Regio

Valeria Disagio

Ale aka “Il Nonno”

Claudio aka Barba, Barbara, Felpa, Rakija

Stefano / Stiopa / Puj

Ale aka “Don”