Share / condividi e diffondi

[Free books for punx]
J.G. Ballard – THEATRE OF WAR (1977)
[Puj] Altro racconto a sfondo bellico di J.G. Ballard, questa volta dai toni satirici. E’ lo stesso autore ad anticiparne i contenuti: “Dopo trecento anni è concepibile che una nuova guerra civile [tra la sinistra e la destra] divida il Regno Unito? Do per scontato che, nonostante la negativa esperienza nel sud-est asiatico, gli americani interverrebbero qui con decisione ancora maggiore di quella che dimostrarono in Vietnam, e ciò per difendere i loro interessi economici e militari. Presumo con assoluta certezza che la televisione darebbe un resoconto ininterrrotto e onniscente degli eventi, presentati in forma di special documentario...”. Ballard stigmatizza il ruolo cannibalico e voyeristico che i mass-media hanno nel contesto bellico e getta sale sulle ferite ancora fresche di un’America reduce dalla (allora recente) disfatta nel Viet-nam. Divertente la descrizione dei ribelli comunisti che vivono nelle campagne del nord dell’Inghilterra come punx, in comuni tardo-hippie alla Crass. Anche Theatre of war, da qui sotto scaricabile in formato .pdf, è incluso nell’antologia dal titolo “Mitologie del futuro prossimo” (Urania n. 976 agosto 1984).

>>> Download J.G. Ballard Theatre of War novel [ITA] (9 pagg. / .pdf – 8,50 mb.)

[Free music for punx]
DISKONTO – A shattered society e.p. (7″ – Profane Existence 1994)
[Puj] Da abbinare alla lettura di Theatre of war, consiglio questo vecchio vinile dei Diskonto, ottima dis-banda di Uppsala, Svezia. I Diskonto (che in svedese significa proprio “discount”!) si sono formati nel 1992 e “A shattered society” (“Una società in frantumi”) è il loro primo e.p.
Fragoroso d-beat mono-tematico, ossessionato dall’incubo bellico: titoli classici come “Pioggia di bombe” (Bombregn), “Violentata con la baionetta” (Valdtagen Med Bajonett), “Un mondo senza violenza” (En Varld Utan Vald) e “Ma perchè?” (Men Varfor). Quattordici anni fa, l’interno della copertina del 7″ mi colpì molto: ritrae la vittima di un bombardamento in un letto d’ospedale, e sotto la scritta: “…e c’é qualcuno di noi che pensa sia orribile il fatto che i Bad Religion abbiano firmato per una major…”. All’epoca infatti (era il 1994) i Bad Religion avevano pubblicato “Stranger than fiction”, il loro primo album su Sony e la cosa destò il solito, prevedibile disappunto dei punx più idealisti. I Diskonto, in questo modo, vollero esprimere la loro opinione sull’argomento…

Tracklist: 1. Mentalt Sarajevo / 2. Attioett / 3 Men Varfor / 4. Valdtagen Med Bajonett / 5. Bombregn / 6. Utan Mening / 7. En Varld Utan Vald / 8. Kanrvapenkrig Kraver Liv / 9. Truppmina 12.

>>> Download Diskonto “A shattered society” 7inch in mp3 + complete art scan. (.rar – 23 mb.)

Leave a Reply