Share / condividi e diffondi

[Kalashnikov gig report]

23 ottobre 2010: S.O.S. Fornace (Rho, Milano) Kalashnikov collective + Point Break
[Puj] Sulla carta questo concerto a Rho non prometteva scintille, dato che eravamo l’unico gruppo della serata assieme ai Point Break dell’inossidabile Bepper. Il flyer della serata poi, nel quale compare Milena con sotto scritto il nostro nome a caratteri cubitali, sembrava più adatto per il concerto di Lady Gaga che per il nostro. Quindi temevamo il deserto. Poi, in realtà, è venuta un sacco di bella gentaglia, tutti gli amici del varesotto, e tanti altri, ben agguerriti dopo il corteo pomeridiano a Gallarate, seguìto allo sgombero dell’Edera Occupata. Il concerto fu dunque una bolgia, con tanti crowd-surfing di noi stessi e rovina generalizzata.
Quella sera c’era una grande atmosfera, probabilmente fra qualche anno ricorderemo con malinconia il senso di amicizia, vicinanza e l’entusiasmo di tutti i ragazzi e le ragazze che ballavano, cantavano e pogavano sotto quel palco. Palco che, tra l’altro, oggi non esiste più perché la Fornace é stata sgomberata qualche tempo dopo.
Qui so
tto un video assemblato da Bepper dei Point Break del nostro concerto. E’ un montaggio noncurante dei fuori sincrono e taggato come “pavimento” (da una parola presente nel ritornello del pezzo, cosa che farà seguire alcuni video didattici di come posare le piastrelle…), però rende l’idea…


[Free music for punx]
POINT BREAK (h.c. Milano) – Class struggle (d.i.y. album 2003)
[Puj] Non suonavamo con i Point Break dal 2004 e, con nostra sorpresa abbiamo potuto constatare che … non sono cambiati di una virgola! La line-up è del tutto rivoluzionata da allora, ma Bepper né è sempre il leader incontrastato (lo è dal 1994) ed impone la sua gestione di rigore stalinista a tutti i componenti! Il loro h.c. melodico d’ispirazione marxista-leninista è del tutto fuori moda e per questo risulta oggi più interessante di un tempo, quasi fosse un articolo esotico, tipo un disco di rock eschimese o di polke tunisine. Il verbo dei Point Break è biblicamente contenuto nell’unico album autoprodotto dalla band in quasi vent’anni di attività, ovvero il cd “Lotta di classe” del 2003. Bepper porta avanti una sorta di divulgazione degli ideali socialisti in salsa h.c. e lo fa con convinzione
tutta sovietica. Nell’album troverete ottime melodie di vaga ascendenza Bad Religion suddivise in nove pezzi dai titoli inequivocabili come “Lotta di Classe”, “Stato e rivoluzione” e “Schiavo moderno” con testi rigorosamente in lingua inglese (in linea con i dettami dell’internazionalismo proletario marxista eh,eh,eh!). A parte gli scherzi, un must della milano h.c. che non si ferma davanti a nulla, nonché esempio di ammirevole dedizione…

>>> Download POINT BREAK – Class struggle album in .mp3 + art scan (.rar – 30 mb.)

1 Comment on

  1. Anonimo
    Replied on 28/03/2011 at 21:00

    Minchia, concertone paura! Bella, mi ricordo che c'era Andy che era stato invitato a cantare, ma poi non ha cantato!

Leave a Reply