Share / condividi e diffondi

[cd-r from the world – 7]

HOUMA (doom-sludge duo – Milano, Italy) – s/t (cd-r 2011)

[Puj] Altra carrellata di cd-r, il formato più sgrauso dei tempi moderni, ma anche il più simpatico nella sua totale assenza di pretese. Partiamo da vicino, con un dischetto che mi è piaciuto un botto ed è pure stato masterizzato di fresco. Parliamo degli Houma! Newcomers del milanese, duo doom sludge formato da veterani del giro DIY, ovvero Pamela delle Agatha alla chitarra/voce e super Marra (Death Before Work ed ex-tante cose) alla batteria.

Essendo gli Houma una tribù di nativi americani, i tre pezzi del disco suonano giustamente sciamanici ed ancestrali; ma essendo Houma anche una cittadina della Luisiana, profumano pure di palude e di provincia dura.

La registrazione di mastro Conso contribuisce a creare quell’atmosfera da selvaggio west che si addice al genere, con il suono di batteria lontano e ovattato, le voci che lacerano lo sfondo e disperatamente cercano di farsi sentire oltre la coltre delle chitarre.


Oh, attenzione, zozzoni che non siete altro: portate il massimo rispetto a Pamela e Marra, perché ogni pezzo del disco racchiude rimandi letterari notevoli. Il primo pezzo “Gold” si ispira ad una
poesia di Robert Frost intitolata “Nothing gold can stay” che ora vado a tradurvi: “In Natura il primo verde è dorato, e subito svanisce. Il primo germoglio è un fiore che dura solo un’ora. Poi a foglia segue foglia. Come l’Eden affondò nel dolore, così oggi affonda l’Aurora. Niente che sia d’oro resta“. Eccellente. “Poison Tree” fa riferimento invece all’omonima poesia di William Blake, ma questa è ancora più famosa quindi non ve la traduco. Il terzo ed ultimo pezzo “Confedracy of dunces” me l’ha spiegato Marra mentre sorseggiavo una birra piena di zanzare, l’altro giorno in Villa: non so se si riferisca esplicitamente all’omonimo romanzo di John K. Toole, ma il tema é il medesimo e ruota intorno alla figura del dunce, ovvero di colui che non impara dall’esperienza. Ovvero: ciascuno di noi. Detto questo… buon ascolto!

>>> Download HOUMA cd-r in .mp3 (.rar – 37 mb.)



[cd-r from the world – 8]

SCHIZOPHASIA (harsh-grind – Ottawa, Canada) – Raise the dead (cd-r 2010)

[Puj] Questo è un incubo, lo posto nel tentativo di esorcizzarlo. Ad Ottawa, Canada, suonammo a casa di alcuni punx nichilisti strafatti di erba all’ammoniaca. Aprì la serata un punk con un pezzo di una canzone dei Discharge tatuato in fronte. Siccome gli altri componenti della sua band quella sera avevano di meglio da fare, lui si presentò da solo con una tastiera attaccata ad un distorsore e ci intrattenne con una ventina di minuti di feedback sfonda-timpani e grida disperate. Ho ancora le orecchie che mi fischiano da allora.
Interrotte le ostilità, ci regalò il 7″ del suo gruppo vero, cioé gli Schizophasia (che suonano la stessa cosa che ci aveva appena fatto sentire, ma con la batteria).Un anno dopo incontro il mio amico Marky degli Ebola, per uno scambio. Tra una roba e l’altra, che cosa mi dà? Una monumentale antologia in cd-r degli Schizophasia, composta da 55 pezzi per una durata complessiva di più di un’ora! No, è una maledizione: ho la discografia completa degli Schizophasia! A questo punto non posso che condividere con tutti voi la mia gioia, e questo sinistro oggetto, che impietosamente raccoglie ben quattro demo degli Schizophasia, nell’ordine: “Bermuda triangle”, “Dyplasia”, “Sadists of the earth inferno” e “Cannibalistic humanoid underground dweller”, registrati tra il 2008 e il 2009, i cui titoli sono tutti un programma. Per gli amanti del noise-grind a spruzzo o per quelli che hanno una strofa dei Discharge tatuata sulla faccia…



>>> Download SCHIZOPHASIA “Raise the dead” anthology in .mp3 + art scan (.rar – 109 mb.)



[cd-r from the world – 9]

ENZYMO (dark-prog – Patra, Greece) – s/t (cd-r 2006)

[Puj] Cambiamo decisamente registro… Da anni, perdo e ritrovo ripetutamene questo cd-r, quindi approfitto del fatto di averlo ritrovato per l’ennesima volta per postarlo sul blog e consacrarlo all’immortalità telematica.

So pochissimo di questa band chiamata Enzymo, anzi, sono più preciso: non ne so niente. Il loro cd-r deve esserci rimasto in tasca durante uno dei nostri tour ellenici. Purtroppo il booklet è scritto totalmente in greco, l’unica cosa che capisco è che vengono da Patrasso e che il cd in questione è stato registrato tra il 2005 e il 2006. Il loro sito non fornisce ulteriori informazioni, permane quindi il mistero.


Di certo, non mi aspettavo che gli Enzymo suonassero un raffinatissimo rock progressivo vecchio stile con inflessioni zeuhl à la Univers Zero e Magma. Musica sinistra da cielo plumbeo carico di cattivi presagi, tanto per i fan degli Jacula e di altre amenità dark-prog che per quelli dei Contropotere. I titoli delle canzoni? Alcuni tra i più rassicuranti sono “La tua morte” e “Attacco cardiaco”. Attenzione, non ho dubbi: si tratta di un capolavoro!

>>> Download ENZYMO cd-r in .mp3 + art scan (.rar – 115 mb.)

Leave a Reply