Share / condividi e diffondi

[Free music for punx]
POLITICAL ASYLUM (Scotland anarchopunk) – Winter e.p. (1985)
[Puj] Provenienti da Stirling, Scozia, i Political Asylum (1982-1993) furono una punk-band anomala, per lo stile musicale, per l’aspetto e per la loro foltissima, ma confusa, discografia. 
Si proclamavano anarchici ed erano cresciuti con i dischi dei Crass, ma la loro musica non era punk e il loro aspetto piuttosto ordinario. Scrissero musica davvero ben fatta, ricca di melodie e testi profondi. 
Un significativo esempio del loro stile è questo primo 7″, giunto dopo un paio di album su nastro, del quale furono vendute ben 6.000 copie! Altri tempi… 
Sul lato A, una ballata pacifista dai toni malinconici, “L’inverno (del nostro malcontento)”:I prati sono diventati grigi e gli alberi hanno perso le foglie, non c’è nessuno in giro, solo croci e corone funerarie, file e file di tombe. Sono morti per la patria, ma non sembra che a qualcuno interessi. Io non voglio morire. Mentre il vento freddo frusta l’aria e la pioggia si trasforma in neve, il sacerdote dice che sono morti per Dio, ma qualcuno doveva avvertirli, che quando sono andati là a testa alta, alla fine, ci andavano per morire. Io non voglio morire. Io non voglio più combattere le loro guerre. Sono stanco di tutto questo, io non lo voglio più. Se vogliono massacrare la gente, che ci vadano loro a farlo, ma che mi lascino fuori della loro merda. Io non voglio morire!
Sul lato B si riparte con il poderoso anarcopunk melodico di “Che cosa gliene importa?” (Do they care?) e si chiude con il power-pop di System of war, che dice: “La guerra è una parte del sistema / e se mai lanceranno la Bomba / quelli che ne sono stati la causa sopravviveranno / e noi invece creperemo“.

Leave a Reply